Dicembre 2018
L M M G V S D
1 2
3 4 5 6 7 8 9
10 11 12 13 14 15 16
17 18 19 20 21 22 23
24 25 26 27 28 29 30
31
cantina
scarascia3
il_meteo4
bollettino_meteo_regionale2
agrometeo3

Le Cactacee

cactacee

Le cactacee, meglio conosciute come Cactus, comprende circa 3000 specie di piante che si raggruppano in circa 100 generi senza calcolare le varietà orticole ed è sicuramente la famiglia di succulente più grande; quasi sicuramente è la più antica, visti i ritrovamenti di un fossile nell’Utah risalente a circa 35/50 milioni di anni fa. Forse suona un po’ strano ma, infatti, anche le cactacee sono una varietà di succulente, cioè (dal latino succus) possiedono organi dei tessuti carnosi in grado di accumulare acqua. Quindi in linea di massima, possiamo dire che quasi tutti i cactus sono succulente, mentre non possiamo affermare il contrario, perché non tutte le succulente sono cactus.

cereus pringlei

Ciò che spesso caratterizza le cactacee, sono le spine. Queste piante, infatti, presentano una superficie spinosa, perché, per sopravvivere nei climi aridi, nel tempo hanno modificato le foglie in spine, allo scopo di ridurre l’esposizione al calore e quindi la traspirazione di liquidi e allo stesso tempo assorbire la scarsa umidità presente nell’aria dei territori aridi, mentre il fusto, è diventato succulento e fotosintetico.

marginatocereus

Ma che forma hanno le cactacee? Bè non c’è che l’imbarazzo della scelta: Spazio Verde riesce ad assicurare una vastissima campionatura di queste piante, che spaziano da quelle piccolissime ad esemplari dalle dimensioni significative; vastissima è la scelta di colonnari come il pachycereus pringlei, o il chula chichipe, o le euphorbie, siano esse l’eritrea, la mauritania o altre ancora. Vastissima è l’offerta di globose, come melocactus, echinocactus grusonii, astrophitum, euphorbia obesa, mammillarie, ecc. Non mancano ovviamente le diverse varietà di opunthie, meglio note come fichi d’india, che spaziano anch’esse da piccole piantine da balconi a grossi esemplari ornamentali.

marginatocereus crestato

Sono delle vere e proprie sculture viventi molto ricercate dai collezionisti, ambite dagli amatori di piante e, molto "sfruttate" anche dagli architetti e designer. Questo è il mondo di un’altra varietà di cactacee di cui Spazio Verde ha un vasto assortimento, il mondo delle CRESTATE. Di crestazioni se ne possono trovare in moltissime specie di piante. Esse nascono da un'anomalia dell'apice vegetativo (fenomeno di fasciazione). Il fusto della pianta, invece di crescere in altezza, si divide in rami disposti sullo stesso piano e si appiattisce. I rami restano uniti e la pianta assume la forma di una cresta.

cactus in fiore

Un fenomeno meno noto, sicuramente, è assistere alla fioritura delle cactacee e delle PIANTE GRASSE in genere, sia perché molte di esse non producono fiori, sia perché in molti casi non crescono in ambienti o climi favorevoli, simili al loro habitat naturale. In genere, comunque, le PIANTE GRASSE sono caratterizzate da fiori dai colori molto accesi, altri sono molto profumati, o ricchi di nettare, caratteristiche utili ad attirare gli insetti e favorire l’impollinazione, alcuni si aprono solo di notte, o in periodi diversi per conservare la specie.

Ci sono fiori che si chiudono nelle ore più calde o quando va via il sole o viceversa. Alcune piante hanno una fioritura che dura per diversi giorni, oppure un giorno solo, altre piante, tipo l’AGAVE, producono un solo fiore nell’arco della loro vita, dopo di che, la pianta muore.

comments